carrirc.attivoforum.com
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 85 membri registrati
L'ultimo utente registrato è maurizio

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 21774 messaggi in 1489 argomenti

 

 2012 bis

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sven Hassel
Generale
Generale
Sven Hassel

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 76
Messaggi : 5981
Data d'iscrizione : 09.02.11

2012 bis Empty
MessaggioTitolo: 2012 bis   2012 bis EmptyLun 19 Dic - 13:14:37

.


............. sono trascorsi parecchi anni dalla precedente nota sul 2012 "testo del 2003" quando quasi nessuno ne sapeva meno di oggi sul suo vero significato disastroso pubblicizzato in seguito come la fine dei tempi, cataclismi in effetti sono nuovamente in corso e non finiranno certo con il 2012 annunciato ......



2012 bis.

Sono stati in molti a chiedersi sul 2012 che cosa rappresenta effettivamente come polo d’attenzione.
I continui monitoraggi hanno evidenziato i cambiamenti climatici in corso da decenni ed, in effetti, quello che porta in quest’epoca ha un inizio ciclico ben lontano da questa data che altro non è che il punto di ritorno di un’elisse spazio temporale. Solo il semplice s’aspetta di capire battendo le mani. In realtà sono processi in cui il sistema solare si è trovato innumerevoli volte accettando ogni conseguenza senza scomporsi dalla sua conica rotta nell’immenso Universo.
I disastri climatici dovuti al surriscaldamento del Sole hanno portato al ritiro dei ghiacciai da almeno un trentennio a questa parte, ma nessuno si interessa di ghiacciai in ritiro, come nessuno si lamenta di inverni miti e se piove da una settimana la depressione butta giù il morale individuale. E poi chi se ne frega dei rapporti interpersonali e se il sociale scade a picco come non mai, specie se i primi esempi di intolleranza educativa arrivano proprio dall’alto … le sottane scoprono la pedofilia incancrenita nel loro regno e la politica perde la poca credibilità arrivando alle delazioni … il popolino di fronte a tutto questo si sente autorizzato ed è facilitato perché guidato in un processo imitativo sul tipo dei vecchi e saggi proverbi; “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei” …. Splendido esempio sul quale ci sarebbe molto da raccontare.
Per i più lontani dalla realtà il 2012 è la fine del mondo, sono i catastrofismi incapaci di assimilare del proprio, per questi l’analisi dei fatti incomincia solo dal sentito dire, l’uso della testa che dovrebbe contenere un cervello, noto magazzino dati risulta completamente ingombro di spazzature a buon mercato.
I terremoti dovuti alla contrazione dell’enorme pressione che la Terra sta affrontando sulla sua superficie, sono segnali evidenti che la curva attesa si avvicina sempre di più con la fine del prossimo anno e da qui ad allora di traumi sulla crosta del pianeta ne dovremo sopportare di nuovi. Insieme a questi evidenti fattori fisici nel contempo si noterà il precipitare di altri fatti contingenti che insieme alla curva di ritorno si spiegano come una dovuta conseguenza terminale di “sospensioni” che devono essere risolte in distensioni (ora è un elastico teso che si deve rilassare) un campo di forze in sospensione assorbe enormi quantità d’energia in grado di destabilizzare “fisicamente” l’intero pianeta e con lui tutto il resto.
L’umanoide parassitario, s’immagina al centro dei suo minuscolo universo e non sa che i suoi piccoli problemi “in sospensione” negli ultimi anni sono precipitati come la classica tegola sulla testa. Macche, l’idiotologo pensa solo che è sfortunato e che soprattutto le tegole ricevute gliele hanno tirate gli altri, d’altra parte uno che si crede al cento di qualcosa d’immaginato non potrebbe immaginare altro che delle cattiverie altrui dal momento che si crede un dio buono. Dire che NOI siamo i fautori dei nostri successi o dei fallimenti è assolutamente insostenibile da un lato del pensiero umano meravigliosamente diviso in due metà.
Partendo da un principio che nulla capita per caso, ma tutto deriva da cause innescate (il principio di causa effetto) la recente devastazione in Giappone trova molte cause in gioco o appunto in “sospensione”.
Troppe parti sul Mediterraneo si sono improvvisamente surriscaldate e qualcuna di troppo addirittura infiammate, altri problemi in sospensione da decenni sono arrivati alla resa dei conti, esattamente come predetto sul Calendario Maya che non parla della fine del mondo, ma di una tipologia globale giunta al suo culmine e da rinnovare. Evidentemente le tirannie sopportate da molte popolazioni sono arrivate tutte insieme al collasso o sono state provocate, forse? Non ci sono differenze di merito, le stagioni portano a maturazione il grano e poco importa dove o di che qualità è. E’ soltanto maturato. Non può marcire sotto il Sole.
L’informazione pubblica ci bombarda sui fatti del giorno dopo e non sulle cause che li hanno innescati.
Parla degli effetti, mai delle origini che li scatenano. Si potevano prevedere i disastri in Giappone con migliaia di vittime? Certo e come no, ma anche questa logica non piace. Chi mai abiterebbe delle zone altamente sismiche? Basterebbe chiederlo a chi ha avuto recenti terremoti se le vogliono abbandonare. Ma il Giappone ha davvero previsto i danni radioattivi impiantando il nucleare in aree abitate ad alta densità umana? Non li ha presi in seria considerazione come lo stesso miracolato da un terremoto ne aspetta un altro.
I Maya, ma gli stessi vedanta del fiume Indo, dall’altra parte del pianeta ed in epoche diverse, hanno lasciato chiare indicazioni sulla fine dei tempi e seppur quasi del tutto incomprensibile persino in confuso libro degli ebrei parla di una rivelazione finale “l’apocalisse” in cui tutto dopo essere distrutto si ricompone e torna a vivere in un modo diverso. Un esempio semplice potrebbe diventare quello di guardarsi attorno con la massima attenzione e controllare il proprio vivere.
Se e dico se, qualcosa non torna, vuol dire che si avvicina una “rivelazione”, significa che un qualcosa di disatteso e di indesiderato è in arrivo per cambiare le sorti trascinate. Perchè ho usato un termine indicativo “faticoso”? Solo per ricordate la massa non indifferente per delle situazioni “in sospensione”, e già, la stanchezza fisica e soprattutto mentale deriva da problemi lasciati alle spalle a mai risolti ….. beata ignoranza, dove uno si affida al domani per poter dimenticare il passato. Il passato ritorna, sempre a cicli più o meno ricorrenti e quello che non hai fatto lo incontri nuovamente, sia bello oppure tra i peggiori.
L’umanoide è dittatore che sottomette se stesso alle peggiori tirannie, è un cancro che divora la sua fonte di vita nutrendosi dell’energia a disposizione finche crolla esausto morente. Geddafi e la Libia. Un solo uomo in grado di distruggere l’intero suo paese, un pazzo? Bhe, allora lo siamo un poco tutti quanti distruggendo noi stessi senza renderci conto del danno sociale.
In una famiglia basta un problema e la famiglia si destabilizza, non importa di che tipo sia.
Tra i rapporti di due sole persone uno arriva nell’uccisione dell’altro, non importa che problemi abbiamo in comune. Causa ed effetto.
Come si fa a stare bene? Si selezionano con cura le nostre rispettive azioni. Incominciando da chi ci si trova attorno. Si fa della sana introspezione e senza barare si provvede nell’ammette i propri errori di comportamento, ci si deve rimettere a noi stessi ignorando completamente gli altri. Ne va della propria salvezza. Mal comune mezzo gaudio. Detto ai nostri tempi direi; associazione per delinquere.
Esodi in massa iniziati da decenni non hanno infastidito il menefreghismo internazionale, anzi si vocifera da anni la falsa premessa che ne abbiamo addirittura i bisogni. Ora però il panico travolge i governanti che finalmente gettano le maschere con l’annuncio di “invasioni di massa incontrollabili”. I buonisti, aiutiamoli. I politici cretini, paghiamoli. I creduloni guardano la TV. Il popolo delle televisioni sono quelli che sanno tutto dopo. Sono la massa del tutto incapace di capire le cause tanto sono rincoglioniti dagli effetti. Il popolo televisivo non sa assolutamente nulla sugli implantaggi scenografici e con tutta certezza, non sa cos’è un implant? A dire il vero, l’umanoide non sa neppure cos'è o cosa è, oltre il comune accordo che ha stabilito che fa parte della razza umana. Perchè con uno sforzo minimo si dovrebbe interrogare sul che cosa sta facendo oltre un comune accordo generalizzato ….. e se quello che fanno in molto è anche davvero giusto e ben fatto?
Minkia, domande del genere specie se a raffica, in un sol botto in testa, in quel magazzino pieno di spazzatura adulterata, mai rimesso in ordine …….. non possono trovare delle risposte.
E senza le dovute risposte diventano molti i problemi lasciati al caso, vale a dire in quella forma di sospensione che per ignoranza e negligenza pesa moltissimo sottraendo enormi quantità d’energie.
Una domandina leggere per terminare; vi sentite stanchi, ultimamente un po fuori del normale?

Avete senza ombra di dubbio qualche problema di troppo che vi attende.


Il Giornale ringrazia.


21 - 3 - 2011

Torna in alto Andare in basso
 
2012 bis
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» >> AL CINEMA >> ROMANZO DI UNA STRAGE (2012) DVDrip

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
carrirc.attivoforum.com :: IL GIORNALE DI SVEN-
Vai verso: