carrirc.attivoforum.com
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 88 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MGARAN

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 22129 messaggi in 1515 argomenti

 

 La Favola di Natale.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sven Hassel
Generale
Generale
Sven Hassel

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 77
Messaggi : 6208
Data d'iscrizione : 09.02.11

La Favola di Natale. Empty
MessaggioTitolo: La Favola di Natale.   La Favola di Natale. EmptyMar 15 Dic - 13:42:50

.

.pubblicata nel Natale 2012 e richiesta nel 2015 si ripete in questa scadenza natalizia per chi hanno poca memoria. Signori me l'ero dimenticata e la ripropongo con piacere ... di solito non rileggo quanto scrivo perché mentre lo faccio penso ad una altro tema e nemmeno mi rivedo in ciò che ho immaginato in momenti trascorsi, dove il tempo ha un solo senso, in AVANTI ... però, esistono realtà immutabili e senza tempo destinate alle menti più elastiche e sottili, curiose, indagatrici che portano scoperte sconcertanti.


…. C’era una volta un tizio, circa 2000 anni fa, un diretto discendente della reale dinastica davidica, i regnanti della Giudea, nato in ritardo e quindi designato al ruolo di sacerdote del Tempio, il primo nato è stato un certo Giovanni il Battista (nome europeizzato in seguito) … questo nascituro figlio di facoltosi principi è accolto a palazzo e non in una grotta, come si conviene ad un erede di sangue reale “leggi Sangreeal” e non santo grall, attorniato dalla corte e riverito da altri principi dinastici, tre di questi li definiranno “magi” arrivati da Saturno inseguendo la cometa Credulona …

… la discendenza reale della madre si trova nelle diocesi dedicate alla Maddalena, visibile a chiunque dopo l’addormentarsi su asini che volano e superstizioni millenarie improvvisamente con la pillola dell’intelligenza decidono di documentare il cervello atrofizzato attraverso l’arte dipinta sui muri di fede (quella vera) per capire quello che 700 anni or sono i nostri predecessori sapevano meglio delle generazioni di adesso … Maria “leggi miriam – sorella” il nome è sconosciuto, è una principessa di sangue reale sposata ad un certo Ari- Matteo facoltoso mercante di pregiati legnami, materia molto apprezzata in una terra arida e desertica come il Sinai e la Giordania e con titoli come ambasciatore e senatore romano, nonché console di Jerusalem … con un palazzo nei pressi di Getsemani, fuori le mura cittadine come ogni signoria di nobile stirpe collocata in luoghi ameni con arie salubri e acque fresche …


Josuah Ben If … il nato in ritardo, manca così il ruolo di re ……. Già, già, perché i tempi esatti della gravidanza materna sono decisi dai sacerdoti (leggi Sadoc – Gebri-El … ovvero, “portatore di vita” e qui è una bella storia) del tempio e per opera dello spirito santo (uno che non sbaglia mai) e che ha cannato talmente tanto ancora prima di questo increscioso errore da scatenare tutta una serie di postume invenzioni per nobilitarne la figura ……. Non è scaldato dal bue e neppure alitato dall’asinello in quella sinistra grotta al freddo ed al gelo, ma lavato e riscaldato da serve e levatrici in un ricco ambiente principesco (visibile nei dipinti lasciati a testimonianza di una fede ben differente dalla comune creduloneria ricorrente) … chi ha autorizzato i dipinti sapeva e conosceva quello che scrivo in metafore per non offendere la pubblica ottusità in materia divina …

… nel frattempo la principessa Elisabetta, la moglie di Zacaria con un anticipo (giusto nell’arco della gravidanza) … assicura al trono d’Israele il diretto pretendente come re della stirpe davidica in un tempo reso delicato dall’espansione romana che se ne frega dei regni altrui e di re che non sono cesari Imperatori …… tant’è che la Giordania ha il suo re di paglia chiamato Erode Filippo con la moglie Erodiade …. Uno che per non farsi fregare lo scanno politico, secondo leggende metropolitane, incomincia a tagliare le teste ai neonati, una farloccata paurosa quanto del tutto improponibile con i “terroristi giudei che giornalmente assassinavano mezza dozzina di terrorizzati legionari romani … figuriamoci cosa sarebbe successo se Erodiade avesse solo ordinato l’eccidio … ma siamo scemi o crediamo ai marziani ed in molti lo sono in entrambi i casi …

… questo Josuah Ben If (se uno legge cosa combinava da bambino) lo paragona ad un pazzo irresponsabile … acceca, storpia, getta i compagni dalle mura e se i genitori implorano li resuscita … un vero teppistello con facoltà ovviamente divine … forse nel latte di capra ci mettevano del gran vino, quelli che in seguito scrissero il vangelo di Gesù bambino …. Un racconto letterario davvero esilarante consigliato per migliorare l’ironia per chi ne è completamente privo … poi lo mandano come ogni principe di sangue reale alla più grande accademia del sapere egiziana e per trent’anni non si sa nulla … si parla che illuminava i sapienti umilmente prostrati al suo immenso sapere ancora prima di tramutare i pani ed i pesci in un discorso montagnoso addirittura dove la collina più alta non superava i 200 metri d’altezza … e in quell’occasione non seppe rispondere a chi gli chiese (perché parli per bocca di Giovanni) … tolto dalle scene come pretendente del trono ambito dando quindi a Josuah il diritto come re d’Israele …… nota moderna; oggi si direbbe fatto fuori l’ostacolo per lo scranno di potere, e la Salomè non c’entra niente nella folle danza di sette veli in cambio di una testa sul vassoio ….. panzanate partorite da menti criminali nei secoli successivi …… oggi non si capisce un tubo neppure di chi siamo e questi pretendevano di scrivere fatti dei quali neppure si trovavano presenti … vangelo vuol dire “cronaca scritta” da uomini, da scrivani sotto il ferreo controllo romano ed ogni documento era sotto gli occhi di censori che ne adulteravano i contenuti … altro che parola del dio degli ebrei … le cronache originali sono ben diverse da quelle inventate successivamente, ma non voglio entrare in dettagli … poi sono rimproverato di scrivere troppo e perdo il proselitismo intelligente in grado d’arrivare fino al termine …

Il principe torna da Alessandria “e parla un’altra lingua” … vorrei ascoltare chiunque che per trent’anni ha vissuto in un altro paese e meravigliarmi … questo dotto erudito, ma non abbastanza saggio, se ne sbatte dell’occupazione romana e lo dice apertamente all’ultimo console romano mandato a Jerusalem succedendo ad un numero incredibile di suoi pari spediti in esilio per i fallimenti contro le guerriglie terroristiche (lo sapete che il moderno terrorismo lo hanno praticato i giudei 2000 anni fa?) Bella scoperta quella dell’acqua calda.
… il Ponzio, uno che si lava le mani al minimo incidente, ascolta il virgulto protetto dal padre Ari-Matteo che con il figlio tra i piedi soffre le pene d’inferno e teme le ire di Roma … il teppista va dicendo che vuole il suo ruolo come sacerdote nel Tempio (dove nel frattempo si è insediato per diritto suo fratello chiamato appunto Jacopo il Giusto … giusto perché? Semplice, tolto di mezzo il Battista vero erede il trono va al successore, vale a dire a Josuah … a suo fratello Giacomo “giustamente” si assegna il Tempio …. Pilato suda sette camice e sopporta per 4 anni l’insistente pretendente cercando di fagli capire l’impossibilità di ascendere un trono in momenti di dittatura imperiale e che Roma non ha mai riconosciuto nessun re di terre occupate … l’unico cesare è l’Imperatore e nessun altro ... vane sono le suppliche per rinunciare al folle progetto e per una insurrezione contro l’occupazione, e neppure gli inviti dalla capitale romana di recarsi in Oriente come ospite d’onore … macche, l’erudito se ne strafrega delle diplomazie anzi, chiama il generale dei terroristi, un certo giudeo detto l’iscariota (significa assassino dal greco sikar) con oltre diecimila mercenari ai suoi ordini …. Minkia, un vero esercito personale per questa figura temuta dalle legioni massacrate tra i vicoli oscuri di Jerusalem diventato il braccio destro del re di Giudea … manca all’appello la mente intellettuale di un tale Elaizero braccio sinistro in grado di morire per essere resuscitato dopo il terzo giorno … quisquilie, pinzillacchere e che ci vuole …

…ma poi “cherchez le femme” un uomo terreno subisce il fascino perverso della eterna tentatrice ed entra nelle scene la figura sconvolgente di una principessa non solo d’alto rango, ma già gran sacerdotessa essena in nero … che vuol dire? Significa che un alto personaggio elevato al massimo dei sapere “scompariva” letteralmente assumendo un’altra identità … la Mig-Dal (la Torre di riferimento) diventa la donna perduta, la meretrice … la figura più controversa e temuta da due millenni … Josuah capisce l’importanza di un’alleanza con la branca sacerdotale essena che a est di Jerusalem sul Mar Morto, ha raccolto un grande numero di dissidenti contro l’occupazione romana … pronta scatenare una rivolta contro i romani ...

… Josuah borbotta e complotta e Pilato si lava le mani subito dopo ogni incontro … bestemmiando la caparbia cupa di certi discendenti di antichi pastori di armenti cocciuti come mufloni cornuti … con tutte le rogne di reggere le lotte intestine in corso e le decimazioni dei reparti romani sul territorio che erano regolarmente battuti dalle scorribande attacca e fuggi … una pratica impossibile da controbattere dalle legioni addestrate a battaglie in campo aperto e che tra le mura della città gli sgozzati potevano superare i venti soldati persi in un solo giorno di festa … anche un fetente pretendente folle gli dannava l’esistenza e la carica …

La bella Mig-Dal nelle vesti di principessa senza complessi danza e balla e peggio bacia Josuah sulla bocca tra lo sgomento di Giovanni/Pietro ….. che un giorno diventerà la pietra d’angolo di una fede mal riposta … attorno ai complottanti troviamo un certo numero di pedine da usare alla bisogna, per un colpo di stato ben organizzato ci vogliono i provetti interessati e solo per puro caso se ne contano 12 ……. Incredibile, una coincidenza inimmaginabile …… cosa avrei dimenticato per non tirare la corda a lungo?

… forse lo storico seguito ampiamente conosciuto da chiunque non ha potuto fare a meno d’ingoiare senza capire il Pinocchio di Collodi, un tizio che passando dal camino lascia ricchi doni ai bambini innocenti “leggi vittime predestinate” … che l’HIV come progetto pestilenza mondiale per abbattere demograficamente il peso umano sul pianeta si è rivelato blando … e che la bella addormentata nel bosco si sveglia con un principe baciatore di passaggio ….. come ho detto lo lascio ai semplici di testa ben addestrati per il proseguo di una storia assurda che funziona a tratti in laghi di sangue … vedi crociniani in cerca di un sepolcro inesistente … una santa inquisizione che per 700 anni cerca senza riuscire nel massacrare chi ha un’opinione diversa sulla colossale balla … insomma, il seguito se lo scrivo non è quello conosciuto dai più, ma neanche una novità per moltissimi che inseguendo la verità l’hanno trovata di fronte agli occhi … e già, mai sentito parlare dei libri di pietra? Mai chiesto il motivo delle erezioni di cattedrali in tutta Europa? Mai dubitato almeno una volta indagando per scoprire una realtà completamente differente da quella sostenuta?
Mai capito che se volete sostenere una balla, attorno a questa per farla restare in piedi, bisogna fare e dare enormi quantità d’energie?

… eppure, la verità è tanto semplice che sta su da sola senza nessun sforzo … come mai?

Oggi è una bella giornata, finisce lì.

………………. Il governo Monti ... dopo di questo ne sono seguiti altri ... con l'attuale nelle mani di Conte, per sistemare l’Italia ……. E PER FARLO …. Se ne dovranno spendere di energie in merito a questo presunto miracolo ……. Più balle si ascolteranno e maggior minor verità si vedrà!

… piaciuta la tirata natalizia?

ps. c'era una volta il governo Monti e senza essere (lo Sven) un profeta in patria ... di balle Monti con altri successori inutili ne hanno raccontate da peggiorare l'italietta succube da Istituzioni bugiarde.



Nota aggiunta: sono trascorsi 8 anni sui quali pochi hanno trovato riflessioni da accorgersi che l'orlo del precipizio si stava inesorabilmente avvicinando. Le "feste (sig) natalizie condite fra dpcm e farcite da lockdown copri fuoco, libertà fugaci e barriere improvvise, non incontrano neppure la reale condizione mondiale attraversata da un presunta pandemia percepita con leggerezza infantile di fronte alla catastrofe economica che spalancherà voragini immense necessarie per sopravvivere in un mondo nuovo, direi tutto in salita.

Il Giornale ringrazia

santa


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 20 Dic - 10:17:34 - modificato 1 volta.
Torna in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
Sven Hassel

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 77
Messaggi : 6208
Data d'iscrizione : 09.02.11

La Favola di Natale. Empty
MessaggioTitolo: Re: La Favola di Natale.   La Favola di Natale. EmptyMar 15 Dic - 17:38:34

.

Buona vita gran maestro Sven questa me la sono persa negli anni e la rileggo con più attenzione perchè c'è del vero nelle righe. Grazie per averla pubblicata e per l'assidua opera di sostegno sul modellismo italiano. Buone feste Sven.

... il tempo caro amico contiene verità seppellite, inganni e metafore, che il vento sottrae alla terra riportandole allo scoperto facendo tremare il "re nudo" che si è macchiato stupidamente d'ignoranza per non avere indagato a fondo su quanto sostenuto ingenuamente a spada tratta su qualunque argomento e su questo forum trattando il modellismo da te scritto (italiano) dove non c'è l'ombra creativa individuata se non in pochissimi autori di merito, rispondo non solo a te ma ad altri: tolto il mio personale impegno sui forum da anni a questa parte, dalla crisi economica al lockdown sopraggiunto, l'immobilismo coartato ne avrebbe cristallizzato la presenza ...

Il passato consumato nella spirale del tempo ritorna simile ma mai uguale. L'illusione beota coltivata da chi credono di riprendere l'indifferenza presunta che tutto ritorna com'era si sono bevuti il cervello drogato d'inerzia bradipa misurando la distanza dal naso alla Luna.

ps. il contenuto della favoletta sfiora soltanto la superfice assopita del 3/7% di chi la legge una sola volta fino in fondo. bounce drunken :geek: Very Happy Suspect

Buone feste tanto per scriverlo.

La Favola di Natale. 84471710

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
 
La Favola di Natale.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
carrirc.attivoforum.com :: IL GIORNALE DI SVEN-
Vai verso: