carrirc.attivoforum.com
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 88 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MGARAN

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 22126 messaggi in 1515 argomenti

 

 Sturmtiger Alkett.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sven Hassel
Generale
Generale
Sven Hassel

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 77
Messaggi : 6205
Data d'iscrizione : 09.02.11

Sturmtiger Alkett. Empty
MessaggioTitolo: Sturmtiger Alkett.   Sturmtiger Alkett. EmptyGio 19 Nov - 11:01:55

.



La presentazione del 2013 è andata persa sulle fotografie ........................................ quindi

... su cortese richiesta lo Sturmtiger costruito dalla Alkett nel febbraio 1944 ...







Sturmtiger (tedesco: "Assault Tiger") è stato un cannone d'assalto tedesco della seconda guerra mondiale costruito sul telaio Tiger I e armato con un mortaio a razzo da 380 mm. La designazione ufficiale tedesca era Sturmm'rrserwagen 606/4 mit 38 cm RW 61. Il suo compito principale era quello di fornire un forte supporto antincendio alle unità di fanteria che combattono nelle aree urbane. I pochi veicoli prodotti combatterono nella Rivolta di Varsavia, nella Battaglia delle Ardenne e nella Battaglia del Reichswald. Il veicolo da combattimento è anche conosciuto con vari nomi informali, tra i quali lo Sturmtiger è diventato il più popolare.

L'idea di un veicolo di supporto di fanteria pesante in grado di demolire edifici pesantemente difesi o aree fortificate con un solo colpo è venuto fuori dalle esperienze dei pesanti combattimenti urbani nella battaglia di Stalingrado nel 1942. A quel tempo, la Wehrmacht aveva solo lo Sturm-Infanteriegeschàtz 33B disponibile per distruggere gli edifici, una variante di Sturmgesch-tz III armata con un cannone di fanteria pesante sIG 33 di 15 cm. Dodici di loro si persero nei combattimenti a Stalingrado. Il suo successore, lo Sturmpanzer IV, noto anche dagli Alleati come Brummbàr, era in produzione dall'inizio del 1943. Questa era essenzialmente una versione migliorata del design precedente, montando lo stesso cannone sul telaio Panzer IV con una protezione della corazza notevolmente migliorata.

Anche se notevolmente migliorata rispetto ai modelli precedenti, a questo punto le armi anticarro di fanteria stavano migliorando drasticamente, e la Wehrmacht vedeva ancora la necessità di un veicolo simile, ma più pesantemente corazzato e armato. Pertanto, è stata presa la decisione di creare un nuovo veicolo basato sul serbatoio Tiger e armarlo con un obice da 210 mm. Tuttavia, quest'arma si è rivelato non essere disponibile al momento ed è stato quindi sostituito da un lanciarazzi da 380 mm, che è stato adattato da un lanciatore di carica di profondità Kriegsmarine.

Nel settembre 1943 furono fatti dei piani per Krupp per fabbricare nuovi scafi corazzati Tiger I per lo Sturmtiger. Gli scafi Tiger I dovevano essere inviati a Henschel per l'assemblaggio del telaio e poi ad Alkett dove sarebbero state montate le sovrastrutture. Il primo prototipo fu pronto e presentato ad Adolf Hitler nell'ottobre 1943. La consegna dei primi scafi avverrà nel dicembre 1943, con i primi tre Sturmtiger completati da Alkett entro il 20 febbraio 1944.

A causa di ritardi, Hitler non ha richiesta la produzione dell'arma fino al 19 aprile 1944; dodici sovrastrutture e armi sarebbero state preparate e montate sul telaio Tiger I ricostruito. Le prime tre serie di produzione Sturmtiger furono completate da Alkett nell'agosto 1944. I piani per completare altri sette dal 15 al 21 settembre 1944 furono presentati a Hitler in una conferenza del 18-20 agosto 1944. Dieci Sturmtiger furono prodotti nel mese di settembre, insieme ad altri cinque nel dicembre 1944.

Hitler aveva dato grande importanza all'impiego speciale dello Sturmtiger e credeva che sarebbe stato necessario produrre almeno 300 colpi di munizioni al mese.

Lo Sturmtiger era basato sul modello Tiger I, mantenendo lo scafo e le sospensioni. La parte anteriore della sovrastruttura della Tigre è stata rimossa per fare spazio al nuovo vano da combattimento instile casemate fisso che ospita il lanciarazzi. Questo è stato situato direttamente nella parte anteriore del veicolo, dandogli un aspetto boxy.

Rispetto al carro armato Tiger, lo Sturmtiger era complessivamente molto più corto, solo 6,28 m (20 piedi 7 in) rispetto agli 8,45 m della Tigre (27 ft 9 in), in gran parte a causa del fatto che non aveva il lungo cannone principale di quest'ultimo che sporgeva molto di fronte allo scafo. Inoltre era leggermente inferiore alla Tigre a 2,85 m (9 ft 4 in) rispetto a 3 m (9 ft 10 in).

Poiché lo Sturmtiger era destinato all'uso nelle aree urbane nei combattimenti a distanza ravvicinata, doveva essere pesantemente corazzato per sopravvivere. La sua armatura frontale inclinata (a 47 gradi da verticale) era quindi spessa 150 mm, mentre il suo lato sovrastrutturale e le piastre posteriori erano spessi 82 mm. [1] La parte anteriore dello scafo era di 100 millimetri (3,9 in) o 150 millimetri (5,9 in) se aveva una piastra corazzata aggiuntiva montata. Questo spinse il peso del veicolo dai 57 t (56 tonnellate lunghe; 63 tonnellate corte) della Tiger I a 68 t (67 tonnellate lunghe; 75 tonnellate corte).

Layout dell'armatura di Sturmtiger

150mm fronte sovrastruttura 47o
150mm
( 100 mm) scafo anteriore
(senza la piastra aggiuntiva) 25o
82 mm lato sovrastruttura e posteriore
lato superiore dello scafo e posteriore 20o
Nessuno
70mm scafo anteriore superiore 80o
62 mm parte anteriore dello scafo inferiore 65o
62 mm lato inferiore dello scafo
scafo inferiore posteriore Nessuno
48o
28 mm scafo -

L'armamento principale era il Raketen-Werfer 61 L/5.4 da 380 mm, una canna di carico, che sparava un proiettile a propulsione a razzo a corto raggio lungo circa 1,5 m. C'erano una varietà di proiettli con un peso fino a 376 kg (829 lb), e un'autonomia massima fino a 6.000 m (20.000 ft), che contenevano una carica esplosiva elevata di 125 kg (276 lb) o una carica specifica per l'uso contro le fortificazioni, che potevano penetrare fino a 2,5 m (8 ft 2 in) di cemento armato. La velocità dichiarato del primo era di 5.650 m (6.180 yd). Una carica normale ha prima accelerato il proiettile a 45 m/s (150 ft/s), la carica del razzo 40 kg (88 lb) poi ha aumentato questo a circa 250 m/s (820 ft/s).

La progettazione del sistema missilistico ha causato alcuni problemi. Lo scarico del razzo caldo non poteva essere ventilato nel vano di combattimento né poteva sopportare la pressione se i gas non fossero stati evacuati. Pertanto, un anello di tubi di ventilazione è stato messo intorno alla canna che ha incanalato lo scarico e ha dato l'arma qualcosa di un aspetto scatola di pepe.

A causa della ingombra delle munizioni, solo quattordici colpi potevano essere trasportati internamente, di cui uno era già caricato, con un altro nel vassoio di carico. Il resto è stato trasportato in due rack di stoccaggio. Per facilitare il caricamento delle munizioni nel veicolo, è stata montata una gru di carico nella parte posteriore della sovrastruttura accanto al portellone di carico. Anche allora, l'intero equipaggio di cinque uomini ha dovuto aiutare con il carico.

Si intendeva che ogni Sturmtiger fosse accompagnato da un porta munizioni costruito sullo stesso telaio Tiger I, ma solo uno fu completato.

Situato nella parte posteriore del portello di carico c'era un lanciatore Nahverteidigungswaffe che è stato utilizzato per la difesa ravvicinata contro la fanteria, oltre a un frontale montato 7.92 mm MG 34 mitragliatrice.

Lo Sturmtiger doveva servire come veicolo di supporto per la fanteria pesante, rendendo l'assistenza con attacchi su aree fortemente fortificate o costruite. Quando il primo Sturmtiger era disponibile, tuttavia, la Germania aveva perso l'iniziativa, con la Wehrmacht quasi esclusivamente sulla difensiva piuttosto che sull'offensiva.

Tre compagnie Panzer sono state assegnate per gestire la Sturmtiger: Panzer Sturmm'rser Kompanien (PzStuMrKp) ("Armored Assault Mortar Company") 1000, 1001 e 1002. Questi originariamente dovevano essere equipaggiate con quattordici veicoli, ma questa cifra fu successivamente ridotta a quattro ciascuno, divisi in due plotoni.

PzStuMrKp 1000 fu assegnato il 13 agosto 1944 e combatté durante la rivolta di Varsavia con due veicoli, così come il prototipo in un'azione separata, che potrebbe essere stata l'unica volta in cui lo Sturmtiger fu utilizzato nel suo ruolo previsto. PzStuMrKp 1001 (comandato dal capitano von Gottberg) e 1002 (comandato dal tenente Eipel) seguirono in settembre e ottobre. Sia PzStuMrKp 1000 che 1001 servirono durante l'offensiva delle Ardenne, con un totale di sette Sturmtiger.

Dopo questa offensiva, lo Sturmtiger è stato utilizzato nella difesa della Germania, principalmente sul fronte occidentale.

Durante la battaglia per il ponte di Remagen, le forze tedesche mobilitarono Sturmm'rserkompanie 1000 e 1001 (per un totale di 7 unità) per prendere parte alla battaglia. Gli Sturmtiger erano originariamente in grado di usare i loro obici contro il ponte stesso, anche se si scoprì che mancavano della precisione necessaria per colpire il ponte. Durante questa azione, uno degli Sturmtigers a Sturmm-rserkompanie 1001 vicino a Dàren e Euskirchen presumibilmente colpì un gruppo di carri armati Shermans stazionari in un villaggio con un colpo di 380 mm, con il risultato che quasi tutti gli Sherman furono messi fuori uso, e i loro equipaggi uccisi o feriti. Questo è l'unico combattimento tank-on-tank in cui uno Sturmtiger sia mai stato registrato impegnandosi. Dopo che il ponte cadde nelle mani degli Alleati, Sturmm'rserkompanie 1000 e 1001 furono impiegati per bombardare le forze alleate e per coprire la ritirata tedesca, al contrario dell'impiego per il quale furono originariamente progettati.

Uno Sturmtiger (numero di telaio 250174) è in mostra al Deutsches Panzermuseum di Munster. Questo veicolo è attualmente in prestito dalla Wehrtechnische Studiensammlung di Koblenz che lo ha acquistato dalla Aberdeen Proving Ground Collection.
Uno Sturmtiger (numero di telaio 205543) è in mostra al Kubinka Tank Museum in Russia. Si ritiene che questo veicolo sia stato catturato dall'avanzata delle unità dell'Armata Rossa nell'area dell'Elba nell'aprile 1945.
Un Raketen-Werfer da 380 mm è nella collezione del Bovington Tank Museum.

... è chiaro che non fu un carro da combattimento ma da obice da posizione costruito in pochi esemplari, complicato da rifornire, lento da caricare, impreciso su obiettivi mirati, micidiale per abbattere interi edifici, vulnerabile se non protetto dalle fanterie, pesante a pieno carico quanto un Kintiger e di conseguenza lento e delicato con i soliti problemi meccanici ...

Modellisticamente è soggetto interessante, direi da collezionista per la sua "forma" particolare e come panzer non da battaglia ma più come lancia razzi distruttore.

... decisamente un bel modello da tenere se ben fatto in vista per impressionare per imponenza e curiosità specie se realizzato scientemente senza lasciarsi ingannare da lavori a metà (il carrello prima serie) rende lo sforzo idiota ...

Sturmtiger Alkett. Sturmt10

... per "velocizzare" il traporto su ferrovia montavano di preferenza i cingoli stretti per contenere la larghezza di carico obbligata

Sturmtiger Alkett. 31573411

... diventa della massima importanza l'aspetto vissuto

Sturmtiger Alkett. Fb_img43

... usando mimetiche leggere e trasparenti

Sturmtiger Alkett. S_a_0213

... soprattutto scartando le illustrazioni pubblicate su riviste e stampate sulle confezioni commerciali eseguite solo a scopo vendite

Sturmtiger Alkett. Sturm_13

Questo Sturm ci proprietà della Compagnia Novara verniciato da Marco Bosco /bravissimo dipintore/ finito nelle mani di capitan patacca dove per abitudine spregiava i soggetto altrui per poi fare carte false per entrarne in possesso cercando di brillare di luce propria, poverino scratch confused drunken Sleep

Sturmtiger Alkett. Sturmt11

... verniciatura dettagliata meritevole di nota come copia illustrata ma lontana dal maschio realismo di uno strumento mortale. Se non si hanno le virtù compatibili intrinseche colturali si evita di imitare "pittori" in contesti militari dove contavano effetto e praticità  cheers  study

... cerchiamo di capire l'imponenza che intimidisce

Sturmtiger Alkett. 28558010

... con la semplicità

Sturmtiger Alkett. Photo_11

... dalla versione sofisticata per abilità pittorica

Sturmtiger Alkett. Maxres49

... lontana dalla sua drammaticità d'impiego

Sturmtiger Alkett. Wmplay10

Alla fine conta l'abito che indossa il modello che ne fa la differenza e non quello che sta sotto copia si copia commerciale e se non sapete eseguire una camo decente lasciate il carro in tinta unica, fa la sua figura senza pregiudicare la firma che lasciate.

... l'abbondanza di lavora malfatti mi riporta negli anni dove la Factory di Sven riceveva per essere riverniciati decine di carri in condizioni ridicole

Sturmtiger Alkett. Sturmt13

Sturmtiger Alkett. 02g10

Sturmtiger Alkett. Pict1g10


Evitate "copiature da illustrazioni" sono trappole commerciali identiche per certe riviste che spacciano colorazioni improponibili ad uso consumo per ignoranze coatte.


Sturmtiger Alkett. Oip_314


.
Torna in alto Andare in basso
 
Sturmtiger Alkett.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
carrirc.attivoforum.com :: IL GIORNALE DI SVEN-
Vai verso: