carrirc.attivoforum.com
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 89 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Valter

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 22229 messaggi in 1521 argomenti

 

  Stato di usura dinamica.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sven Hassel
Generale
Generale
Sven Hassel

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 77
Messaggi : 6254
Data d'iscrizione : 09.02.11

 Stato di usura dinamica. Empty
MessaggioTitolo: Stato di usura dinamica.    Stato di usura dinamica. EmptyLun 6 Apr - 14:02:32

.


Stato di usura dinamica.

… mi sono trovato nel seguire indirettamente una sequenza di domande e risposte riguardo l’immagine che potrebbe avere un carro armato operativo in varie condizioni di terreno …

Dal mio punto di vista potrei evidenziare tre modelli tipo: il carro in marcia (WWII) americano in Italia. Operazione Barbarossa 1940.
D Day alleati in Normandia – tedeschi Ardenne.
Pioggia, fango e winter. Stato di combattimento.

A   L’avanzata americana in Italia su strade bianche, polverose, copriva letteralmente i tank di una spessa patina ti terreno battuto polverizzato dalle colonne in marcia. L’Italia non aveva la copertura stradale asfaltata. L’effetto polvere “colore bianco crema” si stende solo usando l’aerografo in posizione frontale dove il carico della vernice va steso tre volte maggiore dell’uso zenitale, cioè caduta verticale.

B   La stessa condizione incontrata dai reparti tedeschi durante l’occupazione dei Balcani – Russia dove la polvere sollevata intasava i filtri dei motori e toglieva il respiro agli equipaggi rinchiusi dentro i panzer. L’argilla soffice polverosa nella stagione secca si trasformava in una trappola viscida non appena la pioggia cadeva per giorni riuscendo ad immobilizzare qualunque veicolo in movimento.

C   Con lo sbarco in Normandia gli alleati si scontrarono in combattimenti d’importanza bellica. Ogni tank o panzer “non colpiti direttamente” inevitabilmente si coprivano di detriti d’ogni genere sollevati dalle esplosioni ravvicinate, zolle d’erba, pietrisco, rami spezzati, etc, coprivano vistosamente i veicoli impegnati. Gli equipaggi americani sgombravano alle belle meglio i carichi indesiderati. I tedeschi ligi a regole severe ripulivano i panzer assegnati non appena si ritiravano per riarmarsi. Il dinamico operativo “modellisticamente” diventa oggettivamente un’opera di bravura interpretata dall’autore secondo la scelta decisa sul teatro di guerra. Alcuni tipi di terreni misti, setacciati e no, mischiati con vinavil si stendono con un pennello a setole tagliate ovunque. Non in modo uniforma, la granata sfiorata può colpire il terreno di fronte o sul fianco, quindi si carica maggiormente le zone scelte d’evidenziare.

D   I tedeschi nelle Ardenne combatterono nel fango e neve sporca “a differenza degli inverni sovietici coperti di neve pulita” con tutto quanto di corazzato aveva a disposizione in buono a cattivo stato. Sul modello scelto si possono trovare decine di “ambientazioni” a descrizione d’autore. Nelle battaglie di resistenza e in quelle di difesa i panzer impiegati erano logorati, decidendo un tema si devono confrontare le fotografie d’epoca e trarne quel realismo che solo pochi autori navigati sanno trasmettere sul modello in causa assegnato in un preciso contesto. La sola verniciatura di fondo va totalmente ignorata, la vernice originale ha nel frattempo subito anomalie d’ogni tipo. Fissare la cura e l’attenzione sul soggetto montato non ha la minima importanza se si desidera un risultato unico nel suo genere. Mai copiare un tema standard, ogni panzer ha una sua storia vissuta.

… lo stato di combattimento sostenuto da un carro armato rientrato dal fronte nelle retrovie per rifornirsi non può essere simile a un veicolo da turismo imbellettato e lucido disseminato da alcuni spruzzi qua e là. Carrelli che hanno scavato prati e macinato siepi, buche piene d’acqua e fango, per la metà sono impregnati di tutto quanto hanno raccolto. Idem per i carri conciati da paura dove la più sfrenata fantasia non potrà mai avvicinare il realismo vissuto in ore di combattimenti. Dipende dalla maestria dell’autore riprodurre un modello che da solo regala quell’autenticità che lo allontana dal giocattolo dinamico ...

Esempi di mezzi "impolverati" realisticamente operativi.

 Stato di usura dinamica. Rpdw-410

... il carico massiccio di polveri raccolte stando in colonna differenziano nettamente l'intervento "pennellato" e senza un aerografo non si stende il velo polveroso soffiato a strati sul soggetto

 Stato di usura dinamica. Jbjsu110

... anche questo meno carico l'effetto soffiato è evidente ...

 Stato di usura dinamica. Pershi13

... la miglior mimetica naturale e ........

 Stato di usura dinamica. Szm10-10

.............. i dipinti dei pittori con tecniche ad olio belli da vedere ma improbabili sulla realtà   affraid ...

 Stato di usura dinamica. 002img10

... effetti realistici del massimo impatto visivo discostato dagl istandard  cheers  cheers  cheers

 Stato di usura dinamica. 20161111


 Stato di usura dinamica. 20160911

... poi se lo volete davvero esclusivo basta affogarlo dentro il fango naturale

 Stato di usura dinamica. 2076qe10

....... evitando maneggi personali ininfluenti a meno d'essere veramente dei maestri king :geek:




.
Torna in alto Andare in basso
 
Stato di usura dinamica.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
carrirc.attivoforum.com :: RC TANK 1/16-
Vai verso: